Invito alla "5a Conferenza internazionale sulle reanalisi"

Martedì 31 ottobre 2017 — La 5a Conferenza internazionale sulle reanalisi (5th International Conference on Reanalysis -ICR5) è un evento organizzato dal Servizio per i cambiamenti climatici di Copernicus (C3S), gestito dal CEPMMT (Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine), e dal Programma mondiale di ricerca sul clima (World Climate Research Programme - WCRP) che si svolgerà a Roma, Italia, dal 13 al 17 novembre 2017.

Si invitano i media a partecipare a un incontro che si terrà lunedì 13 novembre, dalle 10.30 alle 11.30 CEST, per una panoramica sulla situazione attuale nel settore della rianalisi e dei set di dati che consentono di capire la variabilità e le tendenze climatiche. I dati di rianalisi sono essenziali per migliorare la conoscenza sull’evoluzione dei componenti del sistema Terra, atmosfera, terra, oceani e ghiacci marini dall’inizio del 1900. La conferenza sarà l’occasione per fare il punto sugli aspetti tecnici e scientifici correlati al recupero dei dati osservativi e la produzione di rianalisi nonché sui vantaggi scientifici ed economici attesi da quest’area di ricerca. Inoltre, si avrà anche l’opportunità di intervistare singolarmente gli scienziati del clima. Le richieste di intervista devono essere inviate al contatto per i media indicato di seguito. Per la registrazione all’incontro utilizzare la seguente pagina: https://icr5_mediabriefing.eventbrite.com

ICR5 è un importante evento di livello mondiale per lo sviluppo continuo della reanalisi ai fini della ricerca climatica, che offre una descrizione numerica completa degli eventi climatici recenti su scala globale (ICR4 si è tenuta nel 2012 nel Maryland, Stati Uniti). Le rianalisi del clima sono utilizzate da una vasta gamma di parti in causa che comprendono la comunità scientifica, le organizzazioni pubbliche e i settori privati con necessità di dati sul clima, dalla ricerca e dalle applicazioni pratiche ai servizi climatici e ai processi decisionali.

L’evento sarà in particolare l’occasione per valutare meriti e progressi delle rianalisi, realizzare un monitoraggio delle variazioni climatiche e supportare i decisori politici nello sviluppo di adeguate politiche di adattamento, fornendo inoltre informazioni complementari a quelle di altre fonti di dati climatici.

Dettagli sull’incontro

Data: 13 novembre, 10.30-11.30 CEST, interviste «faccia a faccia» di follow-up fino a 12.00 CEST
Formato: introduzione dei relatori, presentazione introduttiva, sessione di domande e risposte
Sede: San Tommaso d’Aquino (Angelicum), Largo Angelicum, 1, 00184 Roma, Italia

Relatori:

•   Paul Poli (Meteo France) e Roberto Buizza (CEPMMT), Presidenti del Comitato Organizzatore Scientifico dell‘ICR5

•   Jean-Noël Thépaut, Servizio per i cambiamenti climatici del programma Copernicus, CEPMMT

•   Michel Rixen, WCRP/OMM

•   Silke Zollinger, Programma Copernicus, CEPMMT (moderatrice)

 

Note per gli editor

La rianalisi apporta un contributo chiave al Quadro globale per i servizi climatici (Global Framework for Climate Services, GFCS) delle Nazioni Uniti consentendo un monitoraggio accurato del sistema climatico della Terra anche in luoghi con scarsità di osservazioni dirette. I dati di rianalisi sono stati utilizzati per lo sviluppo e il miglioramento continuo del monitoraggio dei cambiamenti climatici.

La missione del Programma mondiale di ricerca sul clima (WCRP) è facilitare l’analisi e la previsione della variabilità e dei cambiamenti del sistema Terra per l’impiego in una gamma sempre più vasta di applicazioni pratiche con impatto, vantaggi e valori diretti per la società. I due principali obiettivi dell’WCRP sono: determinare la prevedibilità del clima e determinare l’effetto delle attività umane sul clima. Il WCRP nasce dalla collaborazione congiunta dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM), la Commissione oceanografica intergovernativa dell’UNESCO (IOC) e il Consiglio internazionale per la scienza (ICSU).

Copernicus è il programma faro di osservazione della Terra della Commissione Europea. Offre dati operativi e servizi informativi di libero accesso che forniscono agli utenti informazioni attendibili e aggiornate su questioni ambientali e problemi di sicurezza.

Il servizio per i cambiamenti climatici del programma Copernicus (C3S) costituisce il contributo europeo al GFCS. C3S ed è gestito dal CEPMMT per conto della Commissione europea. Il CEPMMT gestisce inoltre il servizio di monitoraggio dell’atmosfera di Copernicus (CAMS, Copernicus Atmosphere Monitoring Service). Il CEPMMT è un’organizzazione intergovernativa indipendente che produce e divulga previsioni meteorologiche numeriche a 34 Stati tra gli Stati membri e i suoi Stati cooperanti.

Istituzioni accademiche e dell’ambiente di tutta Europa, inclusi i servizi meteorologici nazionali, contribuiscono attivamente al successo del programma Copernicus.

Link:

- CEPMMT:  https://www.ecmwf.int/

- WCRP: https://www.wcrp-climate.org

- Servizio per i cambiamenti climatici del programma Copernicus: https://climate.copernicus.eu/

- Servizio di monitoraggio dell’atmosfera del programma Copernicus: http://atmosphere.copernicus.eu/

 

 

Contatto per i media

Silke Zollinger

Responsabile stampa ed eventi

Ufficio per le comunicazioni del programma Copernicus

Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine

Shinfield Park, Reading, RG2 9AX, Regno Unito

E-mail: silke.zollinger@ecmwf.int

Telefono: +44 (0)118 9499 778

Telefono cellulare: +44 (0) 755 477 3973

Sito Web: ecmwf.int | atmosphere.copernicus.eu | climate.copernicus.eu